Stiamo ronzando su…
Il Comune Spende

Scarica il File Aggiornato con tutte le spese sostenute dal Comune di Mesero registrate a Protocollo. Scopri come spende il tuo comune!

Video Consiglio

Clicca l'immagine per rivedere tutti i VIDEO dei Consigli Comunali e rivivere i nostri interventi...

CEMENTO sui DENTI

Aggiornamento a Luglio 2013. Il PROGETTO e' STATO BLOCCATO (Link)

250.000mq per Mesero, 100.000 mq per Marcallo, una superficie equivalente a 50 campi da calcio sta per essere CEMENTIFICATA. E' emergenza ambientale ed anche democratica.

IL VIDEO di DENUNCIA direttamente da CEMENTO SUI DENTI del 28-1-12

 

I Documenti Ufficiali del Progetto

Valutazione Ambientale Strategica

Decreto Finale VAS con prescrizioni

Stato attuale iter burocratico

Scheda del Procedimento in Provincia

Alcuni autorevoli articoli a riguardo:

Fondo Ambiente Italiano

Stop al Consumo di Territorio

Diversi Orizzonti

Volantino Informativo

Articolo Logos

Curiosità

Il Consigliere Fabio Prina in prima pagina sul Settegiorni: "Rinuncia all'indennità ed invita i consiglieri a seguirlo" (Link Articolo - Approfondimento)

MESERO e DEGRADO
Quasi 90.000 i mq di stabili abbandonati su territorio Meserese, con che criterio si decide di costruire ancora!?
Petizione Salva Mesero

Clicca qui

per vedere i Firmatari. La raccolta è conclusa e sono ben 500 le firme raccolte con 378 firme di Cittadini Meseresi.

 

Approfondisci.

Rifiuti? Come dividerli…

 

…25 Aprile…

Print Friendly

…un breve commento sul destino del Centro Socio Culturale di Via Piave e del suo Circolo.

La trattativa per il rinnovo della gestione della struttura è in corso in questo momento e ci complimentiamo con il Sindaco Fusè per l’apertura alle proposte e lo stimolo alla discussione con l’assidua organizzazione di incontri dedicati al tema.

Ci terremo come gruppo politico di minoranza a ribadire alcuni punti cardine sostenuti dal nostro gruppo:

1. amministrazione diretta della nuova sala multifunzione e della cucina da parte del comune per una gestione ottimale della locazione dei locali in questione

2. utenze della struttura a carico del comune

3. è opportuno, qualunque sia il futuro del centro che ci sia un rinnovo dei soggetti che l’hanno gestito fino ad ora: condizione fondamentale per garantire la fruizione a tutte le fasce d’età e creare il giusto turnover di volti ed energie, doveroso per una struttura pubblica.

4. libera fruibilità 24 ore su 24 dell’area esterna come “Piazza Coperta” del paese e del centro.

5. riconversione energetica e funzionale degli spazi del bar-circolo a luoghi attrezzati per la fruizione di associazioni o cittadini. Alcuni esempi: sala prove musicali, sala giovani invernale con attrezzatura multimediale, sala gioco carte e biliardino per anziani, sala prove teatro ecc….

 

Print Friendly

MeseroTua sostiene il “Si” al referendum anti-trivelle: Banchetto Domenica mattina

Perchè siamo dalla parte ella partecipazione popolare,

Perchè siamo dalla parte delle energie alternativa,

Perchè siamo contro le lobby del petrolio,

Perchè siamo contro la politica degli interessi degli amici degli amici….

Domenica 10 Mattina organizzeremo un banchetto dalle 09.00 alle 13.00 in piazza Europa per sensibilizzare i cittadini ad andare al voto e scegliere SI!

Print Friendly

Mercoledi Consiglio Comunale

Print Friendly

Furti nelle nostre case e “ Controllo del Vicinato”

Da anni, ormai, siamo esposti al pericolo di furti o, quando ci va bene, di tentativi di furto nelle nostre case. Si tratta di esperienze che lasciano il segno perché vanno a colpire una delle cose che ci è più cara e cioè le nostre proprietà e quando accadono ci sembra che oltre al danno materiale, dobbiamo subire una violenza psicologica inaudita. Pretendere che altri ( Polizia Locale, Carabinieri o Forze dell’Ordine in generale ) siano sempre disponibili e presenti per prevenire questi episodi, è una pia illusione: in uno Stato di circa 60 milioni di abitanti ci vorrebbero 60 milioni di persone sempre pronte a vigilare su ognuno di noi. Improponibile, assolutamente!

Che fare, allora? Rispolveriamo quella che era una virtù ben viva e radicata fino a qualche decennio fa nei nostri cortili: la solidarietà. Se solamente pensassimo che quello che oggi accade al nostro vicino, domani potrebbe accadere a noi, dovremmo essere naturalmente predisposti a non racchiuderci in noi stessi. Certamente oggi i cortili sono sempre di meno anche in paesi come Mesero, ma ciò non è una scusa: estendiamo ad una o più strade a noi vicine la nostra attenzione, la nostra curiosità, in una parola, siamo solidali con chi abita vicino a noi, per creare una rete di solidarietà allo scopo di scoraggiare chi, con cattive intenzioni, approfitta dell’isolamento in cui tendiamo a rinchiuderci. L’iniziativa “Controllo del Vicinato”, suggerita da tempo da MeseroTua, patrocinata e sostenuta dall’Amministrazione Comunale, sotto il coordinamento della nostra Polizia Locale, va in questa direzione: coinvolgere gruppi di cittadini residenti in zone omogenee del Comune, perché collaborino tra di loro, scambiandosi informazioni circa la sicurezza della loro via, per esempio, attraverso l’osservazione di automobili che non hanno mai visto e che stazionano nella via in cui abitano o nelle vicinanze o che transitano lentamente con fare sospetto; di persone sconosciute che dimostrano interesse per le abitazioni altrui.

E’ sufficiente non chiudersi nel proprio egoismo o nel disinteresse se suona un antifurto vicino a noi: spesso, basta affacciarsi alla finestra o aprire la porta di casa per far allontanare dei malintenzionati e per far capire che sono controllati.

In alcune vie del paese l’iniziativa è già partita: sono stati istallati dei cartelli con il logo “Controllo del Vicinato” e ciò potrebbe già essere un deterrente nei confronti di chi volesse commettere azioni criminali. Non viene richiesto né eroismo né danaro, solamente che ci dimostriamo sensibili e solidali nei confronti del prossimo ( i nostri vicini ), così che l’interesse a ciò che accade nella nostra via sia anche una forma di tutela per noi stessi. Se ci chiediamo: “Cosa posso fare io?”, la risposta è semplice: uscire dall’isolamento, dall’egoismo! Probabilmente non esiste forma migliore e più bella di farsi gli affari degli altri, perché, alla fine, facciamo qualcosa che torna anche a nostro vantaggio!

Print Friendly

Ultimo Consiglio: Debiti Coop. S. Bernardo e Bilancio

Le buone notizie sono due e riguardano il Bilancio. Sono indipendenti dall’amministrazione di Mesero ma appunto sono di iniziativa del governo nazionale. Con il superamento del patto di stabilità per i comuni sarà  possibile attingere all’avanzo di amministrazione per intraprendere investimenti in alcuni settori cruciali come scuole e strade. Per questo motivo l’amministrazione Fusè ha già stabilito tramite la variazione di bilancio discussa ed approvata nell’ultimo consiglio comunale  di utilizzare 80.000€ di “cassa” per risolvere alcune emergenze come l’asfaltatura di alcune strade ed il rifacimento della facciata della palazzina che fino a poco tempo fa ospitava i vigili in via Piave. Verranno spese altre risorse nella preparazione di  preventivi in modo da programmare e progettare per tempo gli interventi sulla scuola primaria, sull’impianto di illuminazione pubblica e sul circolo Combattenti e reduci. Ci aspettiamo inoltre che ci sia da parte del Sindaco, viste le più favorevoli condizioni di bilancio, un ridimensionamento delle tasse locali meseresi che ricordiamo essere ai massimi consentiti dalla legge.

Coerenti con la votazione precedente del bilancio previsionale, il nostro gruppo si è astenuto. Riconosciamo in ogni modo alcuni meriti dell’amministrazione soprattutto nella programmazione degli interventi e nella volontà di ricorrere ai preventivi. Presupposti indispensabili  per una buona amministrazione del patrimonio pubblico che chiedevamo da tempo

Diverse e molto controverse invece le situazioni della Cooperativa S. Bernardo e della Coopselios sulle quali abbiamo presentato delle interrogazioni.

La Coop. S. Bernardo che, come sappiamo, ha gestito  il Centro Socio Culturale di Via Piave negli ultimi anni,  come riportato dal Sindaco in Consiglio in risposta alla nostra interrogazione,  ha dei debiti nei confronti del Comune e per questo la convezione non verrà rinnovata ma prorogata solo fino a fine luglio 2016. Non risultano infatti pagati gli ultimi affitti per circa 1 anno e mezzo. L’Amministrazione solo negli ultimi tempi si è attivata per recuperare l’importo  dovuto a titolo di affitto arretrato.  Inoltre la Fideiussione Bancaria, che doveva essere presentata,  pena decadenza della convenzione stessa, all’atto della firma nel dicembre 2012,  risulta essere stata prodotta solo a metà 2015 Entrambi questi inadempimenti sarebbero stati sufficienti all’amministrazione per chiudere  la convezione in essere molto prima  della naturale scadenza. Ciò non è accaduto.  Ora la Cooperativa ha presentato un piano di rientro che prevede la vendita di alcuni beni della Coop al comune che però non ne potrà godere visto che tali beni (tavoli, televisore ecc…) verranno di fatto lasciati a disposizione della Coop S. Bernardo. Continueremo quindi ad approfondire la questione che risulta essere molto delicata vista la grande importanza che ha il Centro Socio Culturale di Via Piave costato caro alla comunità Meserese e l’ammanco di oltre 5.000€ nelle casse del comune. La situazione inoltre si complica oltremodo prendendo atto del fatto che il Presidente della Cooperativa è contemporaneamente il Segretario del PD locale e non possiamo di certo affermare che l’amministrazione guidata dal Sindaco Fusè ed appoggiata dallo stesso partito, abbia applicato alla lettera le clausole previste dalla convenzione ufficiale. Abbiamo già presentato una richiesta di accesso agli atti per quanto riguarda la proroga della Convenzione sottoscritta con Coop. San Bernardo e sarà nostra cura vigilare che questa volta tutte le clausole, già di per se molto favorevoli alla Cooperativa, siano rispettate.

In modo particolare comunque ci preme sapere cosa succederà del Centro Socioculturale una volta scaduta la proroga di 8 mesi. Questo edificio, pagato con i soldi dei contribuenti  rappresenta un importante spazio di aggregazione per i cittadini di Mesero e deve, dal nostro punto di vista, restare a disposizione della Comunità ed essere fruibile dal maggior numero possibile di cittadini di tutte le fasce di età.

Per quanto riguarda invece la Coopselios, che gestisce la casa di riposo, abbiamo appreso dal Sindaco che la controversia affidata al magistrato mesi fa, non è ancora stata ufficialmente consegnata agli organi competenti. Un nulla di fatto che lascia immaginare i tempi biblici di tali procedimenti…

Print Friendly

Interrogazione pubblica al Sindaco – Lampioni a Led e sblocco patto di Stabilità: risparmiare come Marcallo…

Vorremmo inoltrare un’interrogazione-suggerimento al Sindaco Fusè in modo pubblico visto che l’argomento è molto interessante, ecologico ed economico. Inoltre sappiamo che Fusè si sta già muovendo in questa direzione vorremmo quindi avere delle rassicurazione in merito all’iniziativa lodevole di Marcallo dove con una spesa dilazionata in circa 10 anni verrà garantita la sostituzione della maggior parte della lampade ordinarie con lampade a led. Operazione che consentirà un grande risparmio annuo ma soprattutto si ripagherà praticamente da sola grazie alla minor spesa sulla bolletta  dell’illuminazione pubblica. Probabilmente, inoltre, quando il patto di stabilità dei comuni verrà meno, ci sarà quindi spazio per importanti investimenti e MeseroTua vede questa iniziativa come urgente e prioritaria visto il risparmio che tale intervento porterebbe ogni anno: prima si interviene, meglio è. Chiediamo quindi al Sindaco di Mesero, prendendo come riferimento l’articolo di giornale qui a lato, quali siano i numeri, i costi, i tempi e soprattutto che priorità darebbe il Sindaco a questo intervento.

Ringraziamo in anticipo. L’articolo in oggetto verrà inviato al Sindaco, mentre la risposta verrà pubblicata in coda su questo articolo in modo che i Cittadini possano essere informati sull’argomento…

Replica dell’amministrazione consultabile all’indirizzo:

RISPOSTA PUBBLICA A MESERO TUA IN MERITO ALLA RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA.

Creato 01 Febbraio 2016

RISPOSTA PUBBLICA A MESERO TUA IN MERITO ALLA RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA.

La riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica è sicuramente un intervento necessario e importante al quale molti Comuni stanno lavorando, non solo per il contenimento dei consumi energetici e dei costi ma anche per la normativa porta in questa direzione come ad esempio la recente L.R. n. 31 del 5/10/2015.
A dimostrazione dell’importanza che riveste per noi un’operazione del genere, ci sono tutta una serie di interventi che, in attesa di poter sistemare tutta la rete, abbiamo intrapreso negli ultimi anni: l’illuminazione della pista ciclabile, la conversione a led delle lampade di tutti i semafori, la riqualificazione di via Donizetti, di via Pellico e, più di recente, quelli di via Veneto, di via I maggio, di via M.te Grappa e a breve di via Turati.
Tuttavia, per poter fare un intervento organico e complessivo, non solo di risanamento ma anche di gestione, per prima cosa è necessario essere proprietari di tutti gli impianti di illuminazione, circostanza in cui non si trova Mesero in quanto la maggior parte dei punti luce, quelli più vecchi realizzati fino a una quindicina d’anni fa, sono ancora di proprietà di Enel Sole sulla base dei contratti che allora venivano stipulati.
La condizione, che la totalità degli impianti sia di proprietà comunale per poter procedere alla gestione e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione, è stata di recente ribadita congiuntamente dall’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e dall’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione) in una comunicazione pubblicata sul bollettino dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sottolineando come i Comuni devono procedere preliminarmente all’acquisto dei punti luce di proprietà di terzi mediante acquisto bonario o tramite procedura di riscatto e solo successivamente possono ad affidare, il servizio di gestione e manutenzione, eventualmente comprensivo dei necessari lavori di riqualificazione.
Una volta entrati in pieno possesso dei punti luce si potrà procedere predisponendo il Piano Regolatore Illuminazione Comunale (PRIC) quindi, sulla base di questo, elaborando un progetto di riqualificazione, scegliendo come finanziarlo e indicendo una gara pubblica per individuare il nuovo gestore.
Visto l’iter da seguire non sono in grado di dare oggi delle tempistiche e dei costi precisi.
Posso affermare che già nel 2014 e nel 2015 sono stati fatti alcuni incontri con Enel Sole dopo i quali ci ha comunicato la consistenza degli impianti e quello che, secondo loro è il loro valore residuo, circa 26.000 euro, ma non so dire adesso quando si riuscirà a concludere l’acquisto degli impianti.
Inoltre, i dati della rete che abbiamo riguardano la tipologia dei pali e dei punti luce ma non la condizione della rete elettrica, quindi non è possibile stabilire se è sufficiente cambiare solo la lampada oppure se occorre rifare le linee di alimentazione, aggiungere nuovi punti luce dove mancano, sostituire i pali più vecchi, tutti interventi che incidono sensibilmente sul costo finale.
Per quanto riguarda il risparmio che si può ottenere, è ormai risaputo che con l’impiego dei led si può conseguire una riduzione dei consumi energetici di almeno del 50%-60% e che i canoni di manutenzione annuale dei singoli punti luce saranno inferiori; anche in quest’ultimo caso sarà la gara d’appalto a definire i valori finali.

Il Sindaco Filippo Fusè

Print Friendly

Lunedi Consiglio Comunale: nostre interrogazioni sulle Cooperative. I conti non tornano…

Print Friendly
Le Brevissime

Leggi tutte le brevissime...

Il Capogruppo

Per contattare il nostro Capo Gruppo in Consiglio Comunale Fabio Prina, scrivi a: fabio.prina@meserotua.it

Clicca qui per conoscerlo meglio.

Il Consigliere Eletto

Per contattare la nostra Consigliera eletta in Consiglio Comunale Emanuela Barni, scrivi a: info@meserotua.it

Clicca qui per conoscerla meglio.

Il nostro Simbolo

Il prossimo 25 Maggio 2014, Vota Meserotua

Clicca qui e leggi la descrizione

Il Gruppo

Clicca la foto per conoscere i nostri candidati Consiglieri

Il nostro giornalino
NO alle tessere di partito…

...SI ai contenuti!

Siamo un gruppo di cittadini di Mesero, non rappresentiamo nessun partito e, di fronte alla mancanza di partecipazione imposta dall'amministrazione locale, abbiamo deciso di muoverci in autonomia con forze proprie. Abbiamo l'obiettivo di informarci, informare, partecipare, discutere, per cercare di migliorare il contesto urbano e sociale in cui viviamo. Vorremmo coinvolgere i nostri concittadini, in questo che crediamo un buon obiettivo.

Il Meserese Partecia…
  • 183 Questionari in occasione di Cemento sui Denti per valutare l'amministrazione e la sua idea di espansione cementifera
  • 80 Firme circa per ottenere il Referendum sulla Legge Elettorale, in attesa di approvazione. (Settembre 2011)
  • 251 Firme Raccolte per ottenere il Referendum sull'Acqua Pubblica, poi passato (Giugno 2010).
  • 200 Firme circa per i Referendum del V-Day 2 di Aprile 2008
  • 83 Firme per la Proposta di Legge Parlamento Pulito dell'8 Settembre 2007, ancora nei cassetti dei palazzi romani.
 
Segnalazione Guasti
Una solerte telefonata al numero di competenza può essere un gesto importante per mantenere Mesero, il tuo comune, curato ed ordinato.

 

Lampioni di Illuminazione Notturna Guasti: Tel. 800.901.050 - Enel Sole

 

Perdite Acqua e Fognatura: Tel. 800.175.571 - Amiacque

 

Pronto Intervento Rete Elettrica: Tel. 803.500 - Enel

 

Pronto Intervento Gas: Tel. 800.128.075 - Aemme Linea Energie

 

Buche, Cordoli di Marciapiede o qualsiasi altro tipo di arredo urbano guasto o in cattivo stato: Tel:02/97285078 - Ufficio Tecnico